Strategia di cambiamento. Un approccio pratico.

Strategia di cambiamento. Un approccio pratico. – The future is open.

Cosa è una strategia?  Il media è il messaggio, ma senza strategia nessun messaggio media nulla.

Il riferimento è a Michael E. Porter

Allo stato attuale, oggi,  i dinamici  mercati e delle tecnologie  hanno messo in discussione la sostenibilità del vantaggio concorrenziale, basato su riduzioni di prezzi e sconti che appiattiscono e comprimono i margini.

La strategia di cambiamento. Un approccio pratico. – The future is open

Tutte le organizzazioni si sentono sotto pressione per migliorare la produttività, la qualità e la velocità, i manager hanno abbracciato strumenti quali TQM, il benchmarking, e re-engineering.

Hanno ottenuto drastici  miglioramenti operativi,  ma hanno raramente si sono tradotti in  una redditività sostenibile.

Hanno confuso gli strumenti con la strategia di cambiamento.

Molti manager si sono  spinti a migliorare su tutti i fronti, ma si stanno allontanando  da posizioni competitive vitali.

Porter sostiene che l’efficacia operativa, anche se necessaria per prestazioni superiori, non è sufficiente, perché le sue tecniche sono facili da imitare.

Al contrario, l’essenza della strategia è la scelta di una posizione unica e preziosa radicata nei sistemi di attività che sono molto più difficili da eguagliare.

Porter ripercorre così la base economica del vantaggio competitivo fino al livello delle attività specifiche un’azienda esegue.

Utilizzando casi come Ikea e Vanguard, egli mostra come fare trade-off tra le attività è fondamentale per la sostenibilità di una strategia.

Mentre i manager spesso si concentrano su singoli componenti di successo, quali competenze chiave e le risorse critiche,

Pur sottolineando il ruolo della leadership nel fare e far rispettare le scelte strategiche chiare, Porter offre anche consigli su come le aziende possono riconnettersi con strategie che sono diventate confuse nel corso del tempo.

Prima di tutto occorre aver ben presente che non si può fare tutto!

Non si può parlare di strategia senza una focalizzazione precisa delle proprie risorse, umane e organizzative, verso un obiettivo preciso.

Tra le tante cose che si possono fare per per migliorare un reparto o una organizzazione ci si può concentrare su cosa cambiare:

  • sistemi e processi
  • i comportamenti delle  persone
  • la struttura dell’organizzazione
  • le risorse tecnologiche
  • le risorse umane

Su quali settori è meglio concentrarsi per aprirsi al futuro?

Comprendere e selezionare le cose più importanti rappresenta la strategia.

Agire per riuscire a modellare l’organizzazione e l’ambiente nel quale opera al fine di ottenere ciò che si desidera.

Una  strategia necessita delle competenze, siano esse interne, siano esse esterne indispensabili per raggiungere gli obiettivi.

In altre parole, pensare alle caratteristiche, oggettive e tangibili interne dell’ organizzazione, quelle che sono controllabili direttamente e modellarle secondo i requisiti imposti dall’esterno, dove non è possibile esercitare un controllo diretto, e la visione che abbiamo del futuro.


Strategia di cambiamento. Un approccio pratico. - The future is open.

Strategia di cambiamento. Un approccio pratico, the future is open,  Ed più  semplice di quanto possa apparire.

Fare solo miglioramenti interni, solo sui singoli processi, senza una visione di come si desidera che sia vista la propria organizzazione dall’esterno, non ha tanto senso.

Una strategia è un cambio di paradigma sulla selezione dei cambiamenti interni che avranno l’effetto migliore.

Se la maggior parte dei cambiamenti strategici derivano dagli obblighi imposti da terzi o da un’intuizione individuale – “le reazioni viscerali” dei singoli, possono essere il punto di artenza di una crisi organizzativa.

Molti team di lavoro , dipartimenti e le organizzazioni sono reattivi e opportunisti e di per sé ciò non rappresenta una negatività, ma non è un comportamento strategico, è solo tattica.

Passare dalla reattività alla proattività rappresenta il primo passo verso una strategia.

Vedi la Case History

La creatività della comunicazione è nella strategia

Per approfondimenti 

 

Questo post è tratto e liberamente tradotto  da”Learning Bites” by Cegos .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *